Emilia ritrovata

Dopo oltre duemila anni in cui è stata un’arteria pulsante di storie, persone, vite e leggende, oggi la via Emilia non è altro che un “non luogo” attraversato quotidianamente da anonimi automobilisti interessati esclusivamente a percorrere nel più breve tempo possibile la tratta da un paese all’altro?
Sì e no.

Sì, perché è indubbio che a uno sguardo superficiale l’anonimato sia ormai l’elemento caratterizzante molta parte dei 262 chilometri dell’antica via romana.

No, perchè sotto questa patina di modernità grigia, a cercare con uno sguardo appena un po’ attento, emerge ancora una vivacità insospettabile, fatta di persone e luoghi. Siano questi fabbriche, campagne, abitazioni, bar, balere e chiese. Perfino gli orridi centri commerciali.

In questo racconto fotografico abbiamo cercato di avere quello sguardo. Ai lettori, il compito di giudicare se ci siamo riusciti.

Foto di Antonio Tomeo

Leggi anche “Ritratto apocrifo di signora, ovvero: dell’Emilia e della sua via