CONDIVIDI

Mentre a Berlino si stanno raccogliendo fondi in crowdsourcing per realizzare il primo luogo di culto interreligioso al mondo in cui verranno ospitate nello stesso edificio una chiesa cristiana, una moschea e una sinagoga, in Italia qualche crociato autoproclamatosi defensor fidei lo si trova sempre.

L’ultimo esempio è quello del neo eletto sindaco di Padova, il leghista Massimo Bitonci, che ha deciso di rendere obbligatoria la presenza del crocifisso in tutte le scuole e gli edifici del Comune.

rayan
Rayan

Le due notizie – l’iniziativa berlinese per il luogo di culto che si chiamerà “House of One” e la crociata del Bitonci di turno – mi hanno colpito perché una delle riflessioni che con maggior frequenza ho proposto durante le interviste alle musulmane italiane per il prossimo reportage di Converso, era proprio sulla mancata teorizzazione da parte dell’Islam della separazione tra Stato e Chiesa.

Insomma, i paesi a maggioranza islamica non hanno conosciuto l’illuminismo (non come lo intendiamo noi, almeno), non hanno avuto la loro rivoluzione francese, nessun John Locke. Ma a ricordarmi che forse non era il caso di insistere troppo sulla questione, ci ha pensato oggi Massimo Bitonci.

(Davide Lombardi)

PS. Domani per i musulmani, compresi i circa 1 milione e 200 mila che vivono in Italia, comincia il mese del Ramadan.

Copertina: Christopher JL via photopin cc