CHRISTOPHER OKONKWO OGBONNA

Nuovo Centro Destra – Giovanardi Sindaco

Sono nato in Nigeria, sono arrivato in Italia per motivi di studio e vivo qui da 30 anni. Mi sono diplomato come perito chimico e mi sono laureato in farmacia. Attualmente lavoro come tecnico in una ceramica.
Sono stato presidente dell’associazione nigeriana a Modena per circa dieci anni; sono entrato in politica perché gli stranieri con cui ho lavorato, non solo quelli provenienti dal mio Paese, mi hanno detto che sarei stata la persona adatta a rappresentarli.
Non ho assolutamente avuto problemi nel fare politica, per via del fatto che sono nero. Non credo che Modena sia una città razzista; il razzismo esiste in altri Paesi: i modenesi sono diffidenti, ma se ti conoscono ti accolgono a braccia aperte. E’ molto importante distinguere la diffidenza dal razzismo; io ho molti amici a Modena, a prescindere dallo schieramento politico. Mia figlia si è laureata in ingegneria negli Stati Uniti e mio figlio sta per laurearsi in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche a Modena; noi abbiamo sempre lavorato e rispettato la legge e non abbiamo mai avuto problemi.
Non mi hanno mai insultato, piuttosto ho ricevuto dei commenti infelici; ma sono due cose diverse e io sono in grado di ribattere. Il razzismo fa male quando viene tollerato e lo Stato non fa niente. Questo però non è il caso dell’Italia; certo, c’è qualche imbecille che dice che il problema sono gli immigrati, ma appartengono ad una minoranza e non valgono nulla nella società. Poi ci sono anche politici demagoghi che per due voti in più fanno spettacolo, ma gli stranieri lavorano, producono e arricchiscono la società molto più di loro.
Noi che siamo stranieri ci dobbiamo comportare come si deve, rispettando le regole del Paese che ci ospita. Parallelamente i gruppi che manifestano intolleranza devono essere puniti. Io comunque dico ai miei amici di ribattere se vengono offesi, perché siamo tutti italiani e io mi difendo come un italiano, perché sono fiero di esserlo. La gente deve difendere la propria dignità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *